Petr Krejčí,fotograf,portét,fotokurzy,fotograf praha,fotografie,prodej fotografií,akty,aukce
Nel   mondo   fotografico   ceco   Petr   Krejčí   è   un   fenomeno   interessante.   E‘   autodidatta.   Fa   il   fotografo   da 27   anni.   Le   sue   fotografie   sono   conosciute   in   molte   città   davvero   importanti   nel   mondo   della   fotografia, sono   state   infatti   esposte   a   Houston,   Hong   Kong,   Singapore,   Macau,   Osaka,   Anversa,   Seul,   Beirut, Basilea   e   Lubiana.   Ha   partecipato   a   mostre   collettive   di   successo   a   Città   del   Capo.   I   suoi   lavori   sono stati   pubblicati   su   riviste   di   livello   mondiale,   come   il   britannico   The   Guardian,   il   francese   Le   Monde   e   la rivista   di   moda   Vogue.   In   Repubblica   Ceca   i   suoi   lavori   sono   stati   utilizzati   da   Česká   televize   (la   TV nazianale   ceca),   České   dráhy   (le   ferrovie   ceche)   e   Ústřední   automotoklub   (club   dei   motoristi   cechi). Collabora   con   la   rivista   surrealistica   Analogon    e   con   la   casa   editrice   Paseka .    Da   lungo   tempo   si occupa    del    portfolio    fotografico    della    pianista    jazz    Kristina    Barta .     La    raffinatezza    delle    sue    foto commerciali   sono   ben   conosciute   dai   clienti   di   marchi   internazionali   come   Lacoste,   Loewe,   Lee   Cooper e   Zara.   La   gallerista   amiricana   Salzmannová   collabora   molto   con   Krejčí,   a   Seattle   fa   da   tramite   per   vari collezionisti   entusiasti   che   acquistano   le   sue   fotografie   artistiche   in   serie.   L’impegno   temporale   e artistico   di   Petr   Krejčí   è   je   immenso   –   e   questo   è   il   motivo   per   cui   in   Repubblica   Ceca   conosciamo   solo adesso   la   sua   interessante   e   anche   intima   opera.   Nella   mostra   che   ha   chiamato   Tactilis,   l'autore   ci   si apre   in   modo   completamente   diverso.   Abbandoniamo   il   mondo   scintillante   delle   fotografie   artistiche personalizzate,   che   raccontano   seducenti   storie   che   ispirano   il   consumo.   Vediamo   l'opera   di   un   uomo che   nella   sua   vita   privata   si   ispira   ai   film   di   Pavel   Juráček   e   Jan   Švankmajer.   Lo   attrae   il   mondo   reale, completamente    diverso    dal    colore    sfavillante    del    più    spiccato    consumismo    commerciale.    Studia Heidegger   e   Freud   pensando   alla   loro   fondamentale   influenza   sulle   nozioni   filosofiche   del   nostro mondo   attuale.   Krejčí   sta   pian   piano   ottenendo   una   scrittura   riconoscibile   nelle   sue   fotografie.   E   con   il suo   ampio   spettro   tematico   e   la   sua   massiccia   produzione   non   è   cosa   facile.   Non   ci   sono   molti   artisti   in grado   di   muoversi   completamente   a   proprio   agio   e   di   lavorare   bene   in   due   mondi   così   completamente differenti.   Krejčí   ha   questo   dono   -   lo   approfondisce   ed   è   bello   constatare   che   questo   modo   di   creare   e lavorare   non   lascia   alcuna   traccia   negativa   sui   suoi   risultati.   Al   contrario   –   si   può   dire   che   entrambi   i mondi   dell‘artista   arricchiscono   e   ampliano   il   suo   campo   creativo   in   modi   diversi.   Ciò   si   armonizza   con l'alta   qualità   del   processo   di   lavoro,   il   che   è   un’ovvietà   per   un   fotografo   della   levatura   di   Petr   Krejčí.   È ispirato    dal    clima    autunnale,    dalle    strade    vuote,    dai    paesaggi    urbani    piovosi.   Ama    quest’aspetto autunnale   e   invernale   del   vivere   apparentemente   un   po‘   malinconico.   Lo   tratta   nella   sua   serie   di fotografie   di   qualità   in   bianco   e   nero.   Conosce   la   bellezza   degli   angoli   rotondi,   delle   passerelle,   delle scalinate.   Ci   avvicina   all'incantesimo   immaginativo   del   corpo   umano,   dei   paesaggi   urbani,   delle   poesie di   angoli   ombreggiati,   di   scorciatoie   casuali,   di   ritratti   improvvisati   e   non   di   amici,   personalità,   coppie ordinarie,   persone   amanti   dall'alcol,   politici.   Incontriamo   la   tristezza   dei   senzatetto   da   una   parte   e     dall’altra   l'accoglienza   del   nuovo   agli   occhi   dei   bambini.   Alcune   serie   di   fotografie   fanno   pensare   al volto   di   New   York,   vista   dai   migliori   fotografi   degli   anni   Quaranta,   altri   scatti   con   la   loro   bellezza   quasi surreale   ricordano   la   ricca   scuola   fotografica   ceca,   partendo   dalle   pagine   grigie   della   crisi   degli   anni Trenta.    Li    usa    come    partecipanti    a    piccole    avventure,    che    cattura    con    qualità    e    sensazioni assolutamente   da   artista   consumato.   Questo   suo   mondo   ha   una   chiara   e   logica   tonalità   grigia   e bianconera,   nel   quale   lui,   lontano   dalla   folla   piena   di   ossessione   del   consumo   e   del   colore,   incontra persone   interessanti.   Parla   con   loro,   li   interroga,   scopre   le   loro   opinioni.   E   in   più   le   fotografa   per   noi.   In questi   luoghi,   con   questi   stati   d'animo   e   in   queste   conversazioni   si   occupa   di   concetti   come   l'esistenza in   sè.   Percepisce   l'incertezza   della   nostra   e   della   propria   esistenza,   lo   interessano   le   situazioni   che portano   a   cambiamenti   negli   atteggiamenti.   La   sua   creazione   libera   è   un   contrappunto   fondamentale   di ciò   che   lo   nutre   nella   sua   vita   lavorativa   ufficiale.   E‘   in   grado   di   gestire   questa   tensione,   la   creazione libera   gli   dà   energia,   prospettiva,   distanza   e   (logicamente)   paradossalmente   certezza   della   libertà creativa.   I   lavori   di   Krejčí   sono   rappresentati   in   varie   collezioni   private   negli   Stati   Uniti,   in   Giappone,   in Svizzera, in Lussemburgo e in Israele.

All images © Petr Krejčí.All rights reserved.
Autor     Výstavy     Fotografie-prodej     Kresby     Klienti     Kontakt
Nel   mondo   fotografico   ceco   Petr   Krejčí   è   un   fenomeno   interessante.   E‘   autodidatta. Fa   il   fotografo   da   27   anni.   Le   sue   fotografie   sono   conosciute   in   molte   città   davvero importanti   nel   mondo   della   fotografia,   sono   state   infatti   esposte   a   Houston,   Hong Kong,    Singapore,    Macau,    Osaka,    Anversa,    Seul,    Beirut,    Basilea    e    Lubiana.    Ha partecipato   a   mostre   collettive   di   successo   a Città    del    Capo.    I    suoi    lavori    sono    stati pubblicati    su    riviste    di    livello    mondiale, come   il   britannico   The   Guardian,   il   francese Le    Monde    e    la    rivista    di    moda    Vogue.    In Repubblica    Ceca    i    suoi    lavori    sono    stati utilizzati   da   Česká   televize   (la   TV   nazianale ceca),    České    dráhy    (le    ferrovie    ceche)    e Ústřední   automotoklub   (club   dei   motoristi cechi).   Collabora   con   la   rivista   surrealistica Analogon    e   con   la   casa   editrice   Paseka .   Da lungo      tempo      si      occupa      del      portfolio fotografico   della   pianista   jazz   Kristina   Barta . La   raffinatezza   delle   sue   foto   commerciali sono   ben   conosciute   dai   clienti   di   marchi internazionali    come    Lacoste,    Loewe,    Lee Cooper     e     Zara.     La     gallerista     amiricana Salzmannová   collabora   molto   con   Krejčí,   a Seattle   fa   da   tramite   per   vari   collezionisti entusiasti   che   acquistano   le   sue   fotografie artistiche   in   serie.   L’impegno   temporale   e artistico    di    Petr    Krejčí    è    je    immenso    –    e questo   è   il   motivo   per   cui   in   Repubblica   Ceca conosciamo   solo   adesso   la   sua   interessante   e   anche   intima   opera.   Nella   mostra   che ha     chiamato     Tactilis,     l'autore     ci     si     apre     in     modo     completamente     diverso. Abbandoniamo   il   mondo   scintillante   delle   fotografie   artistiche   personalizzate,   che raccontano   seducenti   storie   che   ispirano   il   consumo.   Vediamo   l'opera   di   un   uomo che   nella   sua   vita   privata   si   ispira   ai   film   di   Pavel   Juráček   e   Jan   Švankmajer.   Lo   attrae il    mondo    reale,    completamente    diverso    dal    colore    sfavillante    del    più    spiccato consumismo     commerciale.     Studia     Heidegger     e     Freud     pensando     alla     loro fondamentale   influenza   sulle   nozioni   filosofiche   del   nostro   mondo   attuale.   Krejčí sta   pian   piano   ottenendo   una   scrittura   riconoscibile   nelle   sue   fotografie.   E   con   il suo   ampio   spettro   tematico   e   la   sua   massiccia   produzione   non   è   cosa   facile.   Non   ci sono   molti   artisti   in   grado   di   muoversi   completamente   a   proprio   agio   e   di   lavorare bene    in    due    mondi    così    completamente    differenti.    Krejčí    ha    questo    dono    -    lo approfondisce   ed   è   bello   constatare   che   questo   modo   di   creare   e   lavorare   non lascia    alcuna    traccia    negativa    sui    suoi    risultati.    Al    contrario    –    si    può    dire    che entrambi   i   mondi   dell‘artista   arricchiscono   e   ampliano   il   suo   campo   creativo   in modi   diversi.   Ciò   si   armonizza   con   l'alta   qualità   del   processo   di   lavoro,   il   che   è un’ovvietà    per    un    fotografo    della    levatura    di    Petr    Krejčí.    È    ispirato    dal    clima autunnale,    dalle    strade    vuote,    dai    paesaggi    urbani    piovosi.    Ama    quest’aspetto autunnale   e   invernale   del   vivere   apparentemente   un   po‘   malinconico.   Lo   tratta nella   sua   serie   di   fotografie   di   qualità   in   bianco   e   nero.   Conosce   la   bellezza   degli angoli     rotondi,     delle     passerelle,     delle     scalinate.     Ci     avvicina     all'incantesimo immaginativo    del    corpo    umano,    dei    paesaggi    urbani,    delle    poesie    di    angoli ombreggiati,     di     scorciatoie     casuali,     di     ritratti     improvvisati     e     non     di     amici, personalità,    coppie    ordinarie,    persone    amanti    dall'alcol,    politici.    Incontriamo    la tristezza   dei   senzatetto   da   una   parte   e      dall’altra   l'accoglienza   del   nuovo   agli   occhi dei   bambini.   Alcune   serie   di   fotografie   fanno   pensare   al   volto   di   New   York,   vista   dai migliori   fotografi   degli   anni   Quaranta,   altri   scatti   con   la   loro   bellezza   quasi   surreale ricordano   la   ricca   scuola   fotografica   ceca,   partendo   dalle   pagine   grigie   della   crisi degli   anni   Trenta.   Li   usa   come   partecipanti   a   piccole   avventure,   che   cattura   con qualità   e   sensazioni   assolutamente   da   artista   consumato.   Questo   suo   mondo   ha una   chiara   e   logica   tonalità   grigia   e   bianconera,   nel   quale   lui,   lontano   dalla   folla piena   di   ossessione   del   consumo   e   del   colore,   incontra   persone   interessanti.   Parla con   loro,   li   interroga,   scopre   le   loro   opinioni.   E   in   più   le   fotografa   per   noi.   In   questi luoghi,   con   questi   stati   d'animo   e   in   queste   conversazioni   si   occupa   di   concetti come   l'esistenza   in   sè.   Percepisce   l'incertezza   della   nostra   e   della   propria   esistenza, lo   interessano   le   situazioni   che   portano   a   cambiamenti   negli   atteggiamenti.   La   sua creazione   libera   è   un   contrappunto   fondamentale   di   ciò   che   lo   nutre   nella   sua   vita lavorativa   ufficiale.   E‘   in   grado   di   gestire   questa   tensione,   la   creazione   libera   gli   energia,    prospettiva,    distanza    e    (logicamente)    paradossalmente    certezza    della libertà   creativa.   I   lavori   di   Krejčí   sono   rappresentati   in   varie   collezioni   private   negli Stati Uniti, in Giappone, in Svizzera, in Lussemburgo e in Israele.
All images © Petr Krejčí.All rights reserved.